10 buone abitudini per risparmiare energia nella tua casa.

Vuoi consumare meno e ridurre l’impatto della tua casa sull’ambiente? Ecco 10 comportamenti da seguire per risparmiare energia e tagliare consumi in bolletta tra le mura domestiche.

risparmiare energia in casa

Già in passato nel nostro blog ci siamo occupati di come risparmiare sui consumi di casa limitando gli sprechi di energia. Nel nostro articolo “Riscaldare casa senza sprechi” in particolare abbiamo fornito una semplice guida su come mantenere la giusta temperatura negli ambienti domestici e, allo stesso tempo, risparmiare in bolletta cambiando poche piccole abitudini.

Oggi invece vogliamo parlare di come ridurre i costi dell’energia elettrica e monitorare i consumi di apparecchiature elettroniche per gestire la casa in modo consapevole.

Alcuni di questi consigli pratici a prima vista potranno anche apparire banali, ma sono proprio i piccoli accorgimenti quotidiani che sono capaci di fare la differenza per tagliare i costi della bolletta della luce.

Tutto inizia da piccoli gesti…

1.Un primo passo per ridurre emissioni e consumi è controllare le lampadine che utilizziamo per l’illuminazione domestica. L’ideale è dotare la casa di lampadine a basso consumo e a LED, che non hanno costi eccessivi e offrono buone prestazioni.

2.È consigliabile non lasciare tv, monitor e apparecchiature elettroniche in modalità stand-by: gli apparecchi in pausa, con la loro “lucina” sempre accesa, incidono in bolletta più di quanto pensiamo. Si stima infatti che spengendoli completamente si possa consumare addirittura fino al 10% in meno! Insomma, uno spreco nascosto ed inutile che si può evitare…

3.Monitorare i consumi è importante per capire in che modo e in quali momenti della giornata possiamo cambiare le nostre abitudini per consumare meno energia: un’attenta lettura della bolletta è essenziale per valutare in quali momenti della giornata sia più conveniente accendere grandi elettrodomestici, in base alla tariffa applicata dal tuo gestore. Inoltre puoi verificare se nella tua casa ci sono apparecchi che consumano più del dovuto utilizzando il misuratore di consumo di energia. Si tratta di un piccolo dispositivo da applicare alla presa, in grado di rilevare in modo rapido ed affidabile i tuoi costi energetici.

4.Per la lavatrice, da azionare possibilmente a pieno carico, è meglio evitare il prelavaggio e preferire programmi a bassa temperatura. Una frequente pulizia del filtro contribuirà a non sovraccaricare l’impianto.

5.Per quanto riguarda il frigorifero e il congelatore, è banale ma utile sottolineare che è bene evitare di aprire spesso lo sportello, non collocare all’interno di questi elettrodomestici cibi caldi ed effettuare una periodica pulizia e manutenzione. L’ideale è mantenere il frigorifero tra 1 e 4°C e il congelatore a -18°C; lo sapevi che ogni grado centigrado in meno impostato il consumo cresce del 5%?

6.Come per la lavatrice, anche per la lavastoviglie il maggior consumo di energia deriva dal riscaldamento dell’acqua, perciò è da usare sempre a pieno carico evitando il programma di asciugatura: è sufficiente aprire lo sportello alla fine del ciclo e aspettare che le stoviglie si asciughino con l’aria.

7.Se in casa hai un climatizzatore evita di impostare una temperatura inferiore di 6° C rispetto a quella esterna e avvialo solo dopo esserti accertato che porte e finestre siano chiuse. Infine, ricorda di pulire periodicamente i filtri: è utile sia per la salubrità dell’aria che per una migliore efficienza energetica.

8.Quando cucini con il forno elettrico non aprire lo sportello durante la cottura e abituati a spengerlo qualche minuto prima del dovuto: sarà il calore residuo a portare a termine la cottura del cibo.

9.Infine, ricorda che il tuo risparmio comincia già al momento della scelta e dell’acquisto degli elettrodomestici. Quando si compra un elettrodomestico, una delle principali caratteristiche da tenere in considerazione è la classe energetica: confronta sempre le etichette energetiche e scegli l’apparecchio che a parità di prestazioni è in grado di consumare meno. Saranno quindi da preferire i prodotti in classe energetica elevata (indicati in etichetta con le sigle A+, A++ o A+++) perché consumano poco e offrono alte prestazioni.

10.L’ultimo punto è dedicato a quello che potremmo definire il “risparmio nel risparmio”: acquistare un prodotto in classe elevata prevede un risparmio garantito e apprezzabile nel giro di poco tempo grazie alle bollette meno salate, ma non solo! Con la proroga degli incentivi statali per il 2019, se acquisti grandi elettrodomestici in classe energetica elevata finalizzati all’arredo di un immobile oggetto di ristrutturazione hai diritto al Bonus mobili, uno sconto fiscale che permette di recuperare fino al 50% delle spese sostenute.

Continua a seguire il blog dell’Agenzia Sogno Casa Immobiliare per avere altri consigli utili per gestire al meglio la tua casa! Se hai bisogno di ulteriori informazioni, lascia un commento oppure contattaci!

A presto con un nuovo articolo…